ABC del pallet

foto di un pallet per glossario dei pallet

Come è fatto un pallet, guida alla scelta

Quando parliamo di pallet o bancali parliamo di un tipo di imballaggio destinato al trasporto e allo stoccaggio di materiale vario.

Le misure, le portate e la struttura dei bancali possono variare molto a seconda di come sono stati costruiti.

Capire bene quali sono le esigenze della tua azienda è fondamentale per scegliere il pallet giusto e avere vantaggi economici e sicurezza di utilizzo. Diventa quindi indispensabile avere un linguaggio comune con il tuo fornitore.

Con questa guida vogliamo aiutarti a capire bene come è fatto un bancale e come si chiamano tutte le sue parti. Troverai infatti anche un glossario di tutti i nomi delle strutture che lo compongono e di eventuali trattamenti  a cui viene sottoposto.

Immagine di pallet perimetrato con spiegazione e delle varie parti
Questa immagine mostra un pallet 4 vie, ossia inforcabile da tutti e 4 i suoi lati, e la sua relativa struttura con i vari nomi.
Immagine di pallet perimetrato con spiegazione e delle varie parti
In questa immagine vediamo un pallet sempre a 4 vie ma perimetrato, ossia con le tavole che lo chiudono formando un perimetro anche sul lato di appoggio.
Qui invece abbiamo un pallet a 2 vie, cioè inforcabile da 2 lati soltanto. Quindi al posto dei zoccoletti troveremo i morali.

GLOSSARIO DEL PALLET

Struttura del pallet, chiamato anche bancale, paletta, pancale, pedana.

Tavola superiore: elemento che costituisce la parte superiore del bancale su cui appoggia la merce. Il numero di tavole può variare a seconda del materiale caricato e del suo imballo.

Traversa: elemento di collegamento tra le tavole superiori e gli zoccoletti. Di norma la traversa è  perpendicolare sia alle tavole superiori che a quelle inferiori.

Zoccoletto o tappo: elemento di forma cubica che unisce le traverse del bancale alle tavole inferiori.

Tavola inferiore: elemento che costituisce la parte del bancale che poggia a terra.

Ponticello: elemento formato dall’insieme di  zoccoletti e tavole inferiori.

Doppio ponticello: termine usato per descrivere la casistica in cui la traversa e la tavola inferiore sono orientate nello stesso verso e hanno la stessa misura in lunghezza.

Foro luce: spazio utile tra le tavole necessario al passaggio delle forche del muletto o del transpallet per poter movimentare il pallet (vedi foto pallet perimetrato).

Morale: elemento di base che costituisce la parte di appoggio a terra nei bancale a 2 vie e sostituisce la funzione dello zoccoletto.

Aletta: sporgenza delle tavole del piano superiore e inferiore rispetto ai morali o ai tappi. Necessaria per la movimentazione dei bancali con misure o esigenze particolari.

Paretale: pannello pieghevole adattabile al perimetro del pallet che permette di ottenere una cassa.

Glossario del pallet: classificazioni principali

Pallet a 4 vie: pallet inforcabile col muletto o con il transpallet da tutti e 4 i lati.

Pallet a 2 vie: pallet inforcabile col muletto o con il transpallet da 2 lati soltanto.

Pallet standard: pallet utilizzato in particolari circuiti che risponde ad accordi internazionali (tipo Epal e CP) e rispetta determinate misure permettendo uno scambio alla pari tra le aziende.

Pallet fuori standard: pallet che non rispetta le caratteristiche degli standard, spesso costruito su misure richieste dal cliente.

Pallet americano: pallet con caratteristiche simili ai 2 vie ma con speciali scanalature sui morali che permettono di inforcarlo dai 4 lati con muletto e da due lati con transpallet.

Pallet perimetrato: pallet con tavole inferiori di perimetratura che lo ‘chiudono’ creando un riquadro rendendolo più stabile e resistente.

Pallet contrario: le tavole superiori sono posizionate dal lato della larghezza anziché quello della lunghezza.

Pallet a piano pieno: il piano superiore del bancale ha le tavole che riempiono completamente o quasi la superficie di appoggio.

Pallet reversibile: pallet che può essere usato indifferentemente dal lato superiore o inferiore perché ha la stessa struttura.

Altre classificazioni:

Pallet impilati: i pallet vengono accatastati uno sopra l’altro.

Pallet incrociati: i pallet vengono accatastati e incrociati quando la struttura lo permette, ottimizzando lo spazio in fase di carico e stoccaggio.

Pallet selezionato: pallet usato che viene scelto in quanto integro per essere riutilizzato.

Pallet ricondizionato: pallet usato che viene riparato e rimesso in circolo.

Pallet a perdere: pallet usato che non viene recuperato dall’azienda utilizzatrice una volta spedito.

Pallet a rendere: pallet dimensionato in maniera tale da essere utilizzato più volte nei vari cicli produttivi. Dove lo scambio di merce è elevato si utilizzano degli standard, tipo Epal o altri circuiti. In questo modo si velocizzano i rientri dei bancali con le medesime caratteristiche.

Portata statica del pallet: peso che un pallet può sostenere quando è fermo a terra.

Portata dinamica: peso che un pallet può sostenere se viene movimentato.

Glossario del pallet: trattamenti e lavorazioni

Trattamento fitosanitario (HT): trattamento termico ad alta temperatura (56 °C) che viene fatto in apposti forni per eliminare eventuali micro organismi presenti nel legno vergine che possono intaccare ecosistemi differenti. Obbligatorio per esportazioni e le importazione al di fuori del mercato dall’Unione Europea. Esso si basa su una normativa internazionale denominata ISPM15- FAO e regolata dagli organi di controllo dei vari stati.

Trattamento di essicazione: trattamento volto alla riduzione della percentuale d’acqua naturalmente presente all’interno del legno fresco. Spesso richiesto per trasportare materiali altamente suscettibili che altrimenti risentirebbero del contatto diretto con l’umidità  dell’imballo.

Lavorazioni:

Pallet smussato: particolare lavorazione volta a eliminare gli angoli a spigolo vivo per vari motivi (utilizzo di pallettizzatori automatici, utilizzo di imballo con cellophane ecc.).

Scanalatura o bisello: lavorazione fatta di solito sulle tavole inferiori, di un certo spessore, per facilitare l’ingresso delle pale del muletto o del transpallet (tipo l’Epal).

Fresatura: particolare lavorazione fatta sui morali di base, che permette l’inserimento di regge metalliche o plastiche usate per fissare il carico.

Smarchiatura: operazione che ha come fine la rimozione di vecchi timbri per applicarne di nuovi, ad esempio a seguito di un nuovo trattamento ‘HT’.

Listellatura: inserimento di listelli di legno tra materiale che deve essere trattato ‘HT’, per creare spazio, ad esempio tra tavole o morali. In questo modo il trattamento ‘HT’ risulta efficace in tutti gli spazi.

 

Certificazioni

Certificato HT: certificato relativo al trattamento fitosanitario che attesta l’avvenuto ciclo e riporta i codici identificativi dello stesso.

Certificato FSC: certificazione internazionale specifica per il settore forestale e i prodotti legnosi e non legnosi derivati dalle foreste.

Certificato di Catena di Custodia PEFC: certificazione che dimostra che l’approvvigionamento di prodotti forestali è condotto in maniera legale e sostenibile.

Certificato di origine: documento ufficiale che attesta il luogo di produzione, estrazione o fabbricazione dei materiali.

Altre voci

Sacco barriera: involucro specifico per contenere ed avvolgere i materiali caricati sul bancale da spedire. Ha una funzione protettiva.

Sali disidratanti: piccoli sacchettini contenenti solitamente gel di silice o argilla disidratata, usati assieme al sacco barriera per proteggere l’imballo dall’umidità.